cosa

Valori beta gravidanza extrauterina

I valori delle beta in una gravidanza extrauterina sono abbastanza simili a quelli che si riscontrerebbero in una gravidanza regolare. L’unica differenza è nella loro crescita, che potrebbe essere più lenta. Il modo migliore di diagnosticare questo particolare tipo di gravidanza, quindi, rimane sempre e comunque l’ecografia transvaginale. Purtroppo, una gestazione di questo tipo non può essere portata a termine e va interrotta tempestivamente per salvaguardare la vita della donna.

I valori delle beta in una gravidanza extrauterina

La gonadotropina corionica umana, comunemente chiamata beta HCG, comincia a fluire nel sangue con la gravidanza e, fino alla 12ma settimana circa, tende ad aumentare regolarmente, raddoppiando ogni 3-4 giorni. In caso di gravidanza extrauterina, questo raddoppio non avviene regolarmente o comunque la crescita risulta più lenta. Tale sintomatologia è comune anche a un’altra condizione conosciuta come “uovo chiaro”, in cui è presente il sacco vitellino ma non il feto. Ciò significa che la diagnosi precisa può essere fatta solo visualizzando l’utero, quindi con un’ecografia che verificherà il corretto posizionamento dell’embrione o meno.

Tipi di gravidanza ectopica

Legatura delle tube: benefici e rischi

Quella extrauterina è un tipo di gravidanza ectopica, ovvero al di fuori della normale sede uterina. L’annidamento, per svariate cause quali alcuni tipi di malattie infiammatorie, può avvenire nelle tube o persino nella cavità addominale. Durante la gestazione, l’utero aumenta le dimensioni fino a 1.000 volte ed è quindi l’unica sede che può ospitare il nascituro. Se l’embrione comincia a crescere in una delle tube, la conseguente rottura può portare a emorragie fatali, quindi è necessario praticare, purtroppo, un aborto terapeutico laddove questo non sia spontaneo. Dopo una gravidanza extrauterina è possibile avere altre gravidanze, ma sarà bene seguire i consigli del ginecologo curante e attendere il tempo suggerito, specie se la terapia è stata invasiva.

Rischi e sintomi di una gravidanza ectopica

I casi in cui una gravidanza ectopica sia andata a buon fine sono rarissimi e certamente hanno comportato dei rischi. Abbiamo visto come, l’annidamento nelle tube, può avere come conseguenza un’emorragia importante. In tali casi estremi, con diagnosi troppo tardive, può essere persino necessario rimuovere una delle tube: ciò non renderà impossibile una nuova gravidanza, ma di certo non la agevolerà.

La sintomatologia di una gravidanza extrauterina comprende sanguinamento importante, crampi più o meno intensi e dolore alla spalla. Quest’ultimo, anche se può sembrare strano, si verifica probabilmente a causa del diaframma irritato dalla perdita di sangue. I dolori e i fastidi, di solito, sono abbastanza localizzati. Va comunque ricordato, per tranquillizzare le future mamme, che non sempre questi sintomi sono riconducibili a una gravidanza ectopica e che in qualunque gravidanza regolare possono presentarsi piccoli crampi o un leggero sanguinamento. Ribadiamo, quindi, che solo una visita ecografica potrà confermare o escludere la diagnosi di gravidanza extrauterina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*