calendario vaccini obbligatori

Vaccini obbligatori 2019 neonati: calendario e informazioni

In Italia i vaccini obbligatori 2019 neonati sono 10, tutti gli altri sono definiti vaccini volontari, scopriamo insieme il calendario vaccini e tutte le informazioni utili. La materia si trova all’interno del Piano Nazionale per la prevenzione vaccinale, definito e raccomandato dal Ministero della salute.

LEGGI ANCHE:

Doppio cognome: i pro e i contro

Mononucleosi nei bambini

Vecchie vaccinazione obbligatorie

Fino ad un paio di anni fa le uniche vaccinazioni obbligatorie in Italia erano antidifterica, antitetanica, antipoliomielitica e antiepatitevirale B. La difterite è una malattia infettiva, che nel 5-10% dei casi è mortale e che molto spesso, chi ne guarisce, riporta seri danni a cuore, reni e sistema nervoso. E’ provocata da una tossina e si manifesta con mal di gola, febbre e ingrossamento delle ghiandole del collo. La vaccinazione antitetanica serve per difendersi dal tetano. Questa è una malattia infettiva non contagiosa, causata da un batterio che nel 10-20% dei casi è letale. Il batterio che provoca il tetano, vive nell’intestino di animali ed uomini e viene rilasciato attraverso le feci e entra nell’organismo umano attraverso le ferite.

La poliomielite è una gravissima malattia infettiva che colpisce le cellule del sistema nervoso soprattutto dei bambini sotto i cinque anni di età. È causata dal poliovirus. L’epatite di tipo B è una malattia virale che si trasmette attraverso il sangue e i fluidi del corpo. Il contagio avviene quindi tramite rapporti sessuali, trasfusioni o siringhe infette. Oltre a queste 4 vaccinazioni ne erano disponibili altre, come morbillo, parotite, rosolia, pneumococco e meningococco C, ma la mancata vaccinazione non comportava alcun tipo di problema per entrare a scuola, come avviene invece oggi.

Vaccinazioni obbligatorie 2019 neonati

Con il decreto vaccini, meglio conosciuto come legge sui vaccini, diventano 10 i vaccini obbligatori. Ecco la lista delle vaccinazioni obbligatorie 2019 neonati:

  1. antipoliomielitica
  2. antidifterica
  3. antitetanica
  4. antiepatite B
  5. antipertosse
  6. anti Haemophilus influenzae di tipo b
  7. antimorbillo
  8. antiparotite
  9. antirosolia
  10. antivaricella.

Con il decreto vaccini, obbligatorio anche per minori stranieri non accompagnati, non solo aumenta il numero di vaccini obbligatori, ma si vieta l’ingresso agli asili nido e alle scuole materne, ai bambini non vaccinati. I bambini non vaccinati potranno frequentare la scuola dell’obbligo, ma sono comunque previste delle multe.

L’obbligo di vaccinazione si riferisce sempre alla “coorte di nascita”, ovvero all’età del bambino nel momento in cui viene iscritto a scuola. Ad esempio, se un bambino a 10 mesi comincia il nido non avrà l’obbligo di essere vaccinato per morbillo, rosolia, parotite e varicella, poichè queste vaccinazioni sono previste nel calendario vaccinazioni, tra i 13 ed i 15 mesi. Inoltre, i bambini nati prima del 2017 non dovranno per forza essere vaccinati contro la varicella, perché questo vaccino è stato inserito solo nell’ultimo calendario vaccinale, ovvero quello 2017/2019.

Formulazioni multicomponente dei vaccini

Sicuramente avrete sentito parlare di esavalente. Il termine si riferisce alla possibilità di effettuare più vaccini nello stesso istante e contemporaneamente. Si definisce quindi esavalente la formulazione multicomponente dei vaccini contro antipoliomielitica, antidifterica, antitetanica antiepatite B, antipertosse e anti Haemophilus influenzae, trivalente quella contro morbillo, parotite e rosolia e infine tetravalente, contro morbillo, parotite, rosolia e varicella. Tuttavia il decreto vaccini, prevede la possibilità per le regioni italiane di acquistare anche vaccini singoli, ma che sono tuttavia più costose delle formulazioni multicomponente.

Vaccini consigliati

Oltre ai 10 vaccini obbligatori appena visti, il Piano Nazionale per la prevenzione vaccinale consiglia, vivamente, anche altri 4 vaccini, offerti in maniera gratuita. Quando i bambini avranno raggiunto l’età per questi vaccini consigliati, riceveranno a casa una lettera dalla propria ASL di appartenenza per fare queste vaccinazioni gratuite. I vaccini sono:

  1. antimeningococcica B
  2. antimengingococcica C
  3. antipneumococcica
  4. antirotavirus

Vaccino contro l’HPV

Paragrafo a parte merita il vaccino contro HPV,. L’HPV è un virus responsabile dei tumori della cervice uterina, il vaccino 9-valente previene circa il 90 per cento di questi tumori. Esistono circa 200 ceppi di virus HPV, ma i due HPV 16 e 18 contro cui è stato sviluppato il primo vaccino messo sul mercato sono responsabili del 70 per cento dei casi di cancro della cervice uterina.

Nel 2017 è arrivato il vaccino 9-valente, che oltre a HPV 6, 11, 16 e 18, assicurerebbe la protezione contro altri cinque sierotipi (31-33-45-52-58) capaci di indurre il cancro, raggiungendo così l’obiettivo di proteggere dal 90 per cento circa dei tumori dipendenti da HPV. L’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, ha consigliato la vaccinazione di tutte le ragazze prima dell’inizio dell’attività sessuale. Il momento critico per il contagio, infatti, è nell’adolescenza e nella prima giovinezza, anche se l’effetto mutageno del virus è lento, per cui i tumori possono comparire anche diversi decenni dopo. Dato che le statistiche dimostrano che una alta percentuale di ragazze ha il primo rapporto sessuale intorno ai 13 anni, l’Italia, come molti Paesi europei, ha stabilito che la vaccinazione debba essere fatta a 12 anni.

Inoltre numerosi studi hanno dimostrato l’efficacia della vaccinazione anti-HPV nelle donne adulte fino ai 45 anni. La vaccinazione è stata approvata fino a questa età sulla base del riscontro di un aumento nella prevalenza dell’HPV nella fascia tra 35-44 anni. Il vaccino contro l’HPV è al momento uno dei più sicuri.

L’infezione da HPV è la più frequente infezione trasmessa per via sessuale. Il Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2017-2019 ha esteso la vaccinazione gratuita anche a tutti i ragazzi nel loro dodicesimo anno d’età. Il preservativo protegge da altre malattie sessualmente trasmissibili ma, poiché non copre tutta l’area genitale, non elimina completamente il rischio di contrarre l’HPV.

Calendario Nazionale Vaccini

Il Piano Nazionale contiene un Calendario Nazionale Vaccini di riferimento, fortemente voluto e condiviso sul piano tecnico e politico, con le Regioni e le Province Autonome, che ha l’obiettivo di garantire a tutti i cittadini i pieni benefici derivanti dalla vaccinazione. Il PNPV 2017-2019 è stato realizzato in stretta collaborazione con tutte le istituzioni coinvolte nelle strategie vaccinali, ovvero l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e le Regioni, e con il supporto delle società scientifiche maggiormente attive nel campo delle vaccinazioni, la Società Italiana di Igiene (SItI), la Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG), la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) e la Società Italiana di Pediatria (SIP).

vaccini obbligatori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*