Niccolò Bettarini: “Sono fortunato perché ho degli amici che mi hanno salvato”

niccolò bettarini

Niccolò Bettarini, in seguito all’aggressione subita all’alba di domenica primo luglio, è stato sottoposto a un’operazione chirurgica. Il figlio maggiore di Simona Ventura e di Stefano Bettarini si sta riprendendo. Le sue condizioni di salute sono decisamente migliorate, tanto il ragazzo è riuscito a raccontare il triste episodio che l’ha coinvolto a Tgcom 24. Qualche giorno dopo il grave fatto di cronaca, Niccolò ha scritto un lungo messaggio su Instagram.

“I miei amici mi hanno salvato”

Sta meglio Niccolò Bettarini: il 19enne è stato picchiato e colpito più volte con un coltello domenica scorsa, a pochi metri dalla discoteca Old Fashion di Milano. Il ragazzo è tornato a utilizzare i social network. “Non sono mai stato bravo a raccontarmi. Ma, ora che sto migliorando, sento che sia giusto e doveroso dire diverse cose”: inizia in questo modo il lungo post che Niccolò ha scritto su Instagram, accompagnato da una foto che lo ritrae con il braccio destro fasciato e con un lieve sorriso sul volto. Il 19enne ringrazia la sua famiglia “che mi è sempre stata vicina, nei momenti felici come in quelli brutti. Nessuno come lei ha saputo trasmettermi quella forza che mi ha permesso di non mollare mai”. Si considera fortunato Niccolò, non solo perché è sopravvissuto senza gravi conseguenze all’aggressione, ma anche per un altro motivo: è grato ai suoi amici, che non lo hanno lasciato da solo e hanno fatto di tutto per proteggerlo e difenderlo. “Sono cresciuto credendo nell’amicizia, è un valore fondamentale nella mia vita e farei qualunque cosa se degli amici fossero in difficoltà”., scrive il ragazzo. Niccolò afferma di “essere fortunato” perché non è stato lasciato da solo: “sento veramente di esserlo, non solo perché sono qui a scrivervi questo post, ma anche perché so di avere degli amici che mi hanno salvato la vita”.

“Siate voi stessi”

Dopo l’aggressione, Niccolò è stato soccorso e immediatamente trasportato all’ospedale Niguarda di Milano. In una nota congiunta, diffusa nel pomeriggio del primo luglio, Simona Ventura e Stefano Bettarini avevano espresso gratitudine nei confronti del personale sanitario. Niccolò ringrazia i medici e anche gli inquirenti per il lavoro che hanno fatto e che stanno ancora compiendo. “Sarò sempre grato al pronto intervento dell’ambulanza e del trauma team dell’Ospedale Niguarda di Milano- scrive il 19enne- Da questa esperienza esco più forte di prima, con la consapevolezza di aver rischiato tanto. Ringrazio, inoltre, la questura e le forze dell’ordine per il lavoro che stanno svolgendo“. Le dimostrazioni di solidarietà nei confronti del ragazzo e della sua famiglia sono state numerose. Niccolò ne è consapevole e rivolge un pensiero alle persone che, pur essendo sconosciute, lo hanno incoraggiato: “Grazie a tutti per l’affetto che ci avete dimostrato. Ricordate sempre di essere voi stessi ma soprattutto ricordate sempre chi siete”.

Ventura e Bettarini condividono il post

Simona Ventura e Stefano Bettarini hanno condiviso il post di Niccolò. La presentatrice televisiva non aggiunge nulla, se non poche parole accompagnate da un cuore: “#repost Niccolò Betta Bettarini”. Simona Ventura, insieme all’ex marito Stefano Bettarini e al secondogenito Giacomo, hanno riconosciuto una qualità di Niccolò, l’essere coraggioso. “Dopo questa lunga, lunghissima giornata, posso dire che è andato tutto bene. Stai migliorando, grazie a Dio”, aveva scritto la nota conduttrice televisiva alle 19.31 del 1° luglio. L’ex calciatore, quando il figlio è stato dimesso dall’ospedale, ha pubblicato su Instagram una fotografia, con Niccolò neonato insieme al padre, accompagnata dalla didascalia “Bentornato a casa”.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.