Mamme

Migliori giochi Montessori per bambini di 1 anno

attivita_montessoriane_1_anno

Maria Montessori fu molte cose insieme, un’ educatrice, una scienziata, un medico, una pedagogista, filosofa, educatrice e neuropsichiatra infantile.
Nota ai più per aver creato un innovativo metodo educativo che prende proprio il suo nome e che viene adoperato in tutto il mondo in migliaia di scuole materne, primarie, secondarie e superiori.

Come pioniera dell’ educazione la dottoressa Montessori credeva che la disciplina potesse nascere dal lavoro libero, ovvero, se il bambino nutre un interesse autentico verso un’attività e la pratica in modo libero ed autonomo, secondo la sua volontà allora sarà disciplinato. Una delle sue frasi più celebri è infatti: “Il più grande segno di successo per un insegnante è poter dire: i bambini stanno lavorando come se io non esistessi.”

Di conseguenza, il metodo montessoriano assegna un ruolo centrale alle attività che stimolano la crescita fisica e la formazione delle capacità psichiche sensoriali.
L’educazione ai sensi rappresenta una tappa importantissima per lo sviluppo del bambino.
Attraverso i sensi e il movimento, il bambino esplora l’ambiente e acquisisce le idee operative necessarie per il pensiero astratto

Quali sono le attività da poter svolgere con i bambini di un anno?

Esistono diverse attività da poter svolgere col proprio figlio, quelle sensoriali, che acuiranno la sua intelligenza, quelle di vita pratica che lo aiuteranno nell’indipendenza e quelli manuali che lo renderanno più disciplinato.
Vediamole insieme:

Attività sensoriali

Riconoscere i colori primari

incastriPotete usare cubi colorati o cartoncini, l’importante è che siano dei colori primari: rosso, blu e giallo.
Mettete i cubi in un sacchetto o in una scatola e fateli pescare, uno per volta, al piccolo.
Chiedetegli di mettere tutti i cubi gialli a sinistra, aiutandolo la prima volta, tutti i blu al centro e i rossi a destra.
Una volta che avrà preso dimestichezza e avrà imparato a riconoscere i colori primari potete inserire nel gioco anche i secondari.

Scoprire i profumi

sacchettiPrendete sei contenitori in cui mettere oggetti dagli odori forti (vanno bene anche gli aromi), ad esempio potete usare saponette odorose, aceto, caffè, menta, limone, ecc.
Presentate gli oggetti al bambino senza spiegare di cosa si tratta, chiedendogli solo di annusarli per dire se hanno un buon odore o meno.
Fategli mettere gli odori gradevoli alla sua destra e gli sgradevoli alla sinistra, nominando quali sono i profumi che sta annusando.
Imparerà non solo a distinguere gli odori contrastanti e a descrivere le sue prime impressioni, ma assocerà i profumi alle parole che gli avrete detto (ad esempio, “questo odore forte che senti è quello del caffè) imparando così nuovi termini.

Distinguere i gusti

gustiPer iniziare questo gioco-scoperta bastano tre ingredienti.
Un dolce, come il miele, uno salato come il sale e uno aspro come il limone.
Vi basterà sporcare leggermente la punta di un cucchiaino con uno di questi ingredienti e chiedergli se è dolce, salato o aspro. facendoglieli poi dividere.
Se il vostro bambino è già in grado di parlare potete anche chiedergli di identificare il sapore.

Scoprire i suoni

suoniUsate materiali diversi o barattoli contenenti oggetti diversi per creare i suoni forti e deboli, ad esempio coperchi di metallo, barattolo del sale, bicchiere di vetro o barattolo di metallo con dentro sassi o biglie.
Scuotendo o sbattendo tra loro gli oggetti, questi emetteranno un suono più o meno forte.
Chiedete al bambino di distinguere i suoni forti da quelli deboli.

Riconoscere le consistenze al tatto

tatto

Potete usare oggetti di tutti i giorni, una palla, un’ arancia, un peluche, ecc.
Seguendo la metodica, che è sempre la stessa, chiedete al bambino di toccare gli oggetti e dividerli, con il vostro aiuto, in quelli con superficie che sia liscia, ruvida, oppure morbida o dura.

Il gioco del silenzio

silenzio

Da piccoli è un gioco che abbiamo fatto tutti, probabilmente annoiandoci… se solo ci avessero detto però che in quei 2/5/10 minuti avremmo dovuto ascoltare i rumori, facendo silenzio per non perdercene nemmeno uno, e a fine timing avremmo potuto descrivere tutti i suoni ascoltati immaginandoci una storia, non sarebbe stato molto più emozionante?
In questo modo il rumore della stufa in salotto può diventare il respiro di un drago.
L’arma più potente di un bambino non del resto la sua fantasia?

Attività di vita pratica

In cucina con la mamma, dai 12 ai 18 mesi

  • Mettere l’acqua nel bicchiere con una piccola brocca di plastica
  • Aggiungere i biscotti al latte
  • Asciugare il tavolo con uno straccetto
  • Aiutare la mamma a sparecchiare mettendo le posate nel piatto quando ha finito, in seguito, quando è più grande portare il piatto in cucina
  • Bere da solo dal bicchiere piccole quantità

In bagno, dai 12 ai 18 mesi

  • Lavare le manine
  • Mettere al proprio posto i giochi del bagnetto
  • Appendere l’asciugamano
  • Mettere i vestiti sporchi nella cesta o nella lavatrice

In camera, dai 12 ai 18 mesi

  • Sistemare le lenzuola sul letto
  • Togliersi i calzini e sistemare le scarpe
  • Scegliere i vestiti per la mattina seguente
  • Raccogliere i giochi
  • Accendere/spegnere la luce

Attività manuali

Creare un barattolo della calma

montessori-barattolo-calma

Con l’aiuto di mamma e papà possiamo creare quello che viene definito calming jar, ovvero il barattolo della calma.
Aiuta a far calmare i bambini dopo un pianto, un capriccio o un litigio e la sua efficacia è assicurata non solo su i più piccoli, ma anche sugli adulti.
Basta capovolgerla e restare a fissare i brillantini che ricadono sul fondo, facendo respiri profondi nel mentre.

Occorrente:

  • 1 barattolo di vetro con coperchio (o una bottiglietta)
  • 2 cucchiai di colla glitter
  • 4 cucchiai di brillantini
  • 1 o 2 gocce di colorante alimentare liquido o gel
  • 1 cucchiaio di shampoo trasparente
  • Acqua calda

Procedimento:

  1. Versate l’acqua e la colla nel barattolo, facendo attenzione a lasciare due dita dal bordo e mescolate per far disperdere i glitter
  2. Unite i brillanti continuando a mescolare
  3. Aggiungete anche il colorante ed infine lo shampoo
  4. Avvitate il coperchio in modo che il bambino non possa aprirlo. per maggiore sicurezza potete usare della colla a caldo per fissarlo

Suggerimento: Nella scelta del colore non dimenticatevi che quelli che più infondono calma sono il verde, l’azzurro e il viola.

Pannello sensoriale

pannelloDi pannelli sensoriali Montessori ne esistono di vari tipi, potete costruirlo voi oppure comprarlo (su amazon ne esistono anche sotto i 20 euro).

pannello 3

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.