Michelle Hunziker non commemora Fabrizio Frizzi: è polemica

Michelle Hunziker Fabrizio Frizzi

Michelle Hunzinker è stata colpita dalla morte di Fabrizio Frizzi esattamente come moltissimi dei colleghi del presentatore e come milioni di italiani che hanno seguito per decenni le sue trasmissioni. Nonostante questo la Hunziker ha scelto di vivere il lutto in privato, senza esternare i suoi sentimenti in pubblico attraverso i social, come invece hanno fatto decine di personaggi più o meno noti dello spettacolo, talvolta con risultati di dubbio gusto.

La Hunziker è stata accusata da molti dei suoi stessi follower di essere insensibile e di aver mancato di rispetto alla memoria di un grande personaggio della storia televisiva italiana scegliendo di non rendergli omaggio in alcuna maniera. E’ arrivata, nel giro di poche ore, la lunga e decisa risposta della showgirl.

Il messaggio di Michelle Hunziker

In questi ultimi 2 giorni ho riflettuto riguardo un fenomeno assurdo che sta accadendo nel “mondo dei social” e che, con mio grande dispiacere, mi ha toccato da vicino.
Molte, troppe persone stanno perdendo completamente il senso della vita reale.

Comincia in questo modo il lungo sfogo di Michelle Hunziker sul suo profilo Instagram ufficiale.

La showgirl si rivolge a tutti coloro che, soltanto perché in possesso di un account sui principali social network italiani, si sentono in diritto di decidere cosa sia giusto dire o fare in determinate situazioni, pretendendo di imporre il proprio modo di vedere le cose anche a persone lontanissime dal loro modo di vivere.

Michelle si rivolge quindi a tutti coloro che l’hanno accusata, anche con toni molto duri, di non essersi unita al coro del lutto che si è sollevato dall’Italia social in questi giorni.

Una sofferenza privata

Danno per scontato che un personaggio pubblico debba per forza postare sempre qualcosa o rispettare un assurdo silenzio imposto quando qualcuno purtroppo viene a mancare.

Le rivendicazioni della moglie di Tomaso Trussardi sono sottilmente rabbiose ma certamente giuste nella sostanza. La reazione al lutto è una delle cose più personali che un essere umano possa sperimentare nel corso della propria vita e non è accettabile che si imponga una “reazione accettabile” su altre ritenute poco corrette o poco rispettose, per il semplice motivo che non c’è un modo universale per provare dolore ed esternarlo. Qualsiasi imposizione in tal senso, soprattutto nei confronti di un personaggio pubblico, assume i connotati di un ricatto morale.

Il rapporto con i social

I social network, per me, sono e dovrebbero restare un posto dove tutti possono dare sfogo alla propria creatività e non il contenitore di falsa moralità e totale ipocrisia.

Come ha sempre dimostrato in maniera concreta attraverso i moltissimi post che pubblica in maniera quasi quotidiana sui suoi canali, i social network sono per la Hunziker solo un modo di comunicare positività e creatività. Dovrebbero essere un porto franco da ipocrisia e violenza verbale.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.