Viaggi

Dove comprare i sigari a l’Havana

La Casa del Habano, Partagás cigar factory

 

Industria #520 e/ Dragones y Barcelona, behind the Capitolio
Partagás ha prodotto sigari dal 1848 al 2012, quando la fabbrica si è trasferita. Tuttavia, la Casa del Habano è ancora aperta ed è una delle mete più ambite dai fumatori di sigari di tutto il mondo. Questo negozio è una pietra miliare nella storia del tabacco cubano. L’amministratrice è Grecia Quiñones Marrero e il personale estremamente competente è diretto da Hamlet. Sì, è il suo vero nome. E sì, è lo stesso Hamlet che ha ottenuto riconoscimenti a livello mondiale come maestro rollatore di sigari dell’antica fabbrica Romeo y Julieta.

I miei consigli:
Per via del gran via vai di gente, probabilmente è meglio scegliere un sigaro piccolo da gustare con una tazza di caffè o un mojito. E a proposito di sigari piccoli, l’industria di sigari cubana di recente ne ha messi sul mercato una grande selezione di qualità esemplare. I migliori sono Hoyo de Monterrey Petit Robusto, Romeo y Julieta Short Churchill e, il mio preferito, il Montecristo Petit Edmundo. Amo i sigari piccoli, perfetti per quando avete poco tempo, ma cercate sapore ed eccellenza. Con un calibro 52 e 110 mm di lunghezza, questo sigaro vi riempirà la bocca con un sapore al cacao giustapposto a quello del cedro e delle spezie. È un ottimo sigaro di media fortezza che sembra non terminare, caratteristica tipica dei sigari grandi.

Casa del Habano, Hostal Conde de Villanueva

Mercaderes #202, e/ Lamparilla y Amargura, Habana Vieja
Questo edificio fu costruito come abitazione di Claudio Martínez de Pinillos, Conte di Villanueva, ma adesso è un hotel di nove stanze. Ogni stanza o suite porta il nome di un marchio di sigari, ma non è questo che lo rende attraente agli occhi dei fumatori. Appena si entra nello spazioso cortile, sulla destra c’è una rampa di scale che conduce al mezzanino, dove c’erano le abitazioni della servitù; in cima alle scale c’è un gioiellino: la Casa del Habano. Questa meraviglia nascosta è gestita da Antonio Hevia per cui lavora uno dei migliori rollatori della città: Reynaldo González. Questo bellissimo negozietto con bar annesso è davvero uno dei tesori nascosti del mondo del sigaro. Sia se scegliete uno dei sigari rollati eccellentemente da Reynaldo, sia se scegliete un sigaro dal vasto assortimento di Habanos, vi consiglio di bere un caffè o un cocktail al bar mentre lo fumate.

I miei consigli:
Se dovessi consigliarvi un ottimo sigaro da fumare in questo posto, questo sarebbe La Gloria Cubana Medal D’Or No. 2. Di recente ho riscoperto questo marchio un po’ trascurato, quando ho trovato un paio di scatole del 1997 in fondo al contenitore per sigari. Come posso descrivere questa esperienza epicurea in maniera corretta? Il sapore è di cedro e di pelle, il tutto ricoperto da una leggera spruzzata di miele. Un sigaro medio per gli standard, che ho trovato essere una scelta perfetta per godermi un pomeriggio. Il tiro è uniforme e intenso. I sapori si sposano bene con una o due tazze di caffè Serrano.

La Casa del Habano, La Quinta

Ave. 5ta #1407 e/ 14 y 16, Miramar
Era la prima tabaccheria esclusiva a Cuba, quando fu inaugurata nel 1990. Si tratta di un negozio per fumatori. Al di fuori del normale contesto turistico è più tranquillo, ma è comunque una destinazione degna di nota. È il posto giusto per prendervi del tempo per voi e affidarvi completamente alla competenza del personale. C’è una vasta scelta e l’ambiente suburbano vi permetterà di prendervi una pausa dal ritmo frenetico della città. Ordinate un caffè o un cocktail al bar, o anche il pranzo al ristorante adiacente, poi rilassatevi in una sedia di vimini e gustatevi un bel sigaro. Il negozio offre un ambiente relativamente tranquillo e un’atmosfera rilassata grazie alla sua posizione poco centrale.

I miei consigli:
Punch Churchill. Si tratta di uno dei Churchill classici. Le annate recenti ricordano la gloria raggiunta da questo sigaro sul finire degli anni ’90, dal tiro uniforme, che riempie la bocca di un sapore di spezie, cuoio e legno (state alla larga dalle annate 1999-2001 perché questi sigari, così come tutti gli altri, hanno risentito di una carenza di qualità dovuta all'industria del sigaro). Sono ben fatti e gli involucri delle annate recenti sono una vera delizia sia alla vista che al tatto. Il sapore evolve via via che si fuma il sigaro, diventando sempre più pieno e intenso, lasciandovi soddisfatti della vostra scelta. Questo sigaro di media fortezza migliora invecchiando. Gli altri sigari grandi che vi consiglio sono il Montecristo No. 2, l'Hoyo de Monterrey Doble Corona o l’H. Upmann Sir Winston. Dovrebbero essere tutti eccezionali, dal 2003 ad oggi.

La Casa del Habano, Club Habana

Ave. 5ta e/ 188 y 192, reparto Flores
Questo era l’esclusivo Biltmore Club di prima della rivoluzione e sebbene vanti campi da tennis, palestra, ristoranti e una spiaggia privata, la vera attrazione per i fumatori è La Casa del Habano, che era diretta da Enrique Mons. Una delle icone viventi del mondo del sigaro, Mons è stato il responsabile della qualità del Cubatabaco (predecessore di Habanos SA) per quasi 20 anni. Mons è stato il gestore che ha aperto La Quinta quando questo rappresentava il primo negozio moderno a Cuba. Dubito che ci sia stato un sigaro prodotto a Cuba negli ultimi 35 anni su cui Mons non abbia un’opinione. Adesso che è in pensione, il suo staff lavora duramente per mantenere il livello d’eccellenza che lui richiedeva. Il salone è un luogo confortevole per sedersi, fumare e chiacchierare.

I miei consigli:


In questo posto raccomando di fumare un sigaro dal sapore intenso, l’ideale sarebbe il Montecristo No. 2. Una volta visto come il migliore, è stato dimenticato per un paio di anni, prima di ritornare a recuperare il suo equilibrio. Attualmente è di nuovo uno tra i sigari migliori. L’involucro è setoso e lucente e gli olii si possono sentire sotto le dita. Con la sua fattura impeccabile, produce un tiro uniforme e intenso. Il sapore iniziale è sorprendentemente dolce con una miscela di spezie pepate. Dalla seconda metà in avanti, la dolcezza si attenua, ma la piccantezza aumenta. Questi sapori arrivano fino al cuore del sigaro. Il fumo blu e aromatico è di quelli che finora si sono visti solo in pubblicità. Cercate le annate recenti di questo sigaro: vi ricorderà gli anni passati.

La Casa de Habano, Hotel Habana Libre

Calle L e/ 23 y 25, El Vedado
Si tratta probabilmente del più nuovo e più grande LCDH a L’Avana. È grande, arioso e ben posizionato all'interno dell’Hotel Habana Libre. C’è una vasta scelta e il personale, diretto da Elina Perez, è molto preparato. Si trova in un posto abbastanza grande da poter ospitare una fontana e un laghetto. Paradossalmente, il bar e il salone non possono ospitare molte persone. In realtà, sarebbe più comodo prendere il proprio sigaro qui e andare a goderselo nell'Hotel Lobby con un ottimo mojito, un gin tonic o, meglio ancora, per strada insieme a un gelato di Coppelia.

I miei consigli:
Dato che non sono un grande fan degli spazi aperti, né mi piace gustarmi il gelato con i miei sigari (ma con qualsiasi altra cosa sì!), consiglio un sigaro piccolo ma squisito per le passeggiate. Magari un Cohíba Exquisito. Per via del rapporto quantità/prezzo, questo sigaro viene spesso trascurato. Ma secondo me è uno dei migliori Cohíba sul mercato. Ben costruito, dal sapore pieno e cremoso, è quasi sempre perfetto. Se non fosse per il prezzo lo fumerei tutti i giorni. Un sigaro perfetto per la mattina, di solito dura di più di quanto si immagini. L’unico difetto è che a volte ha un retrogusto amaro verso la fine. Ma niente che il gelato non possa alleviare.

Alte Casas

Altre Casas consigliate sono quelle all'interno degli hotel Meliá Cohíba e Meliá Habana. La Casa del Habano all'interno dell'Hotel Nacional non ha un’area fumatori privata, ma non c’è posto migliore dei giardini dell’Hotel Nazionale per fumare un sigaro in qualsiasi momento.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.