Gemma Galgani minacciata di morte e Giorgio Manetti lascia il trono

Uomini e Donne è infuocato dal gossip di questi ultimi giorni nonostante la nuova edizione partirà a settembre su Canale 5. Le ultime novità riguardano la ex coppia del trono over Gemma Galgani-Giorgio Manetti che stanno facendo discutere per alcune dichiarazioni rilasciate ai settimanali Spy e Di Più.

Gemma Galgani minacciata di morte e Giorgio Manetti lascia il trono

Uomini-e-Donne-trono-over-Gemma-Galgani-conosce-nuovi-cavalieriLa prima news che sta facendo discutere riguarda la verace Gemma Galgani, regina indiscussa del trono over che al momento sta godendosi la storia d’amore con il fidanzato Marco Firpo. Ad essere finita nel mirino del gossip non è però la sua nuova relazione ma la dichiarazione rilasciata al settimanale Spy secondo cui sarebbe stata vittima di minacce di morte. Nello specifico, la bionda torinese avrebbe ricevuto come scherzo di pessimo gusto una corona funebre che è stato visto da lei come un vero e proprio atto intimidatorio. Per scacciare i brutti pensieri sta trascorrendo però l’estate con il suo Marco.

Giorgio Manetti dice addio al trono?

giorgio-manetti-uomini-e-donne-è-rifatto-720x461

L’affascinante fiorentino Giorgio Manetti potrebbe dire addio al trono. Ad affermarlo è proprio lui in un’intervista rilasciata al settimanale Di Più, nella quale ha spiegato i motivi che lo spingono a dedicarsi ad un altro progetto. Manetti ha infatti deciso di terminare la sua prima autobiografia e non crede più che il trono over possa aiutarlo a trovare l’anima gemella. Una volta terminata la relazione con Gemma Galgani, nessuna delle donne frequentate lo ha preso particolarmente e in merito ha dichiarato:

Più che una donna io sto cercando una compagna di vita, con la quale condividere sogni e desideri, voglia di crescere interiormente e iniziare un percorso di vita che può essere anche difficoltoso ma affrontato insieme, senza paura di quello che può accadere.

Insomma, sembra proprio che Uomini e Donne dirà addio ai suoi beniamini. Possiamo solo sperare che chi li seguirà saprà sostituirli in modo degno.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.