Ermal Meta e Fabrizio Moro sospesi da Sanremo “in attesa di approfondimenti”

meta e moro

Bufera su Sanremo 2018. Ermal Meta e Fabrizio Moro sono stati momentaneamente sospesi dalla gara dopo essersi esibiti ieri sera fra i Campioni con il brano “Non mi avete fatto niente”. Sembrava andare tutto bene ma l’organizzazione del Festival, in accordo con il direttore artistico Claudio Baglioni, ha deciso di sospendere momentaneamente la loro esibizione per portare avanti degli approfondimenti sull’accusa di violazione del regolamento del Festival da parte del brano.

Ermal Meta e Fabrizio Moro sospesi da Sanremo “in attesa di approfondimenti”

Tutto è iniziato in seguito alla prima esibizione di Meta e Moro con il brano, in gara nella categoria Campioni, Non mi avete fatto niente quando il web ha cominciato a far notare significative similitudini con il brano Silenzio, presentato a Sanremo Giovani nel 2016 e che porta la firma dello stesso autore, Andrea Febo. Le voci si sono fatte così insistenti che l’organizzazione del Festival non ha potuto fare altro che prenderne atto e sospendere momentaneamente l’esibizione dei due artisti per procedere con i dovuti approfondimenti.

La reazione di Ermal Meta e Fabrizio Moro: “è tutto ridicolo”

Fabrizio-Moro-e-Ermal-MetaErmal Meta e Fabrizio Moro si sono detti giustamente indignati da queste insinuazioni e hanno affidato il loro pensiero ai social networks. Il primo a rompere il silenzio è stato Meta:

Ciao ragazzi,
È ora di parlare.
Abbiamo sentito parlare di plagio nei confronti della nostra canzone di Sanremo e il pomo della discordia è una canzone scritta da Andrea Febo (collaboratore storico di Fabrizio) che venne presentata nelle Selezioni di Sanremo giovani di 3 anni fa, venne scartata e MAI commercializzata. Fabrizio, io e Andrea abbiamo mantenuto una parte di quella canzone per non sacrificare qualcosa di bello (cosa che abbiamo raccontato in più interviste) e tutti e tre insieme abbiamo scritto una NUOVA canzone con un significato completamente diverso.
Plagiare significa copiare, ma è ASSURDAMENTE RIDICOLO considerando che Andrea Febo ha scritto con me e Fabrizio “Non mi avete fatto niente”.
Inoltre entrambi siamo autori da molti anni e abbiamo scritto molte canzoni contribuendo a diversi successi sia per noi stessi che per gli altri.
Chi ci conosce lo sa.
Quando abbiamo deciso di raccontare uno stato d’animo generale con questa canzone non lo abbiamo fatto per presentarci al Festival, ma per parlare di pace. Siamo molto dispiaciuti di quello che sta accadendo perché non siamo venuti al festival a prendere in giro la gente, ma per abbracciarla.
Siamo sicuri che tutto andrà per il meglio.
Un abbraccio,
Ermal

Poco dopo lo stesso Moro ha riportato lo stesso messaggio, rinforzando l’idea che i due artisti siano tranquilli con la loro etica artistica e siano sicuri di aver agito nel pieno rispetto delle regole. Quando al vicedirettore di RaiUno Claudio Fasullo, nel corso della conferenza stampa quotidiana all’Ariston ha dichiarato:

Il brano ha i requisiti di canzone nuova. L’autore aveva dichiarato fin da subito la rielaborazione di un suo brano e il regolamento prevede che una citazione o un’autocitazione, come in questo caso, possa occupare fino ad un terzo del brano in gara. Quindi il brano ha tutte le carte in regola. Quanto alla scomparsa del video di Silenzio dal sito della Rai, non c’è più perché l’autore ne aveva già richiesto la cancellazione.

Nel frattempo è stata fatta un’estrazione a sorte per decidere l’artista che avrebbe sostituito stasera i due cantanti durante la serata ed è stato scelto Rubino. Se le accuse a Moro e Meta si riveleranno infondate, i due si esibiranno di nuovo domani sera.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.