Elena Santarelli a Verissimo per parlare di Giacomo

Elena Santarelli

Elena Santarelli a Verissimo interverrà ancora una volta come madre e testimonial della ricerca contro il cancro, raccontando in maniera diffusa e dettagliata quello che sta vivendo dalla fine di Novembre, momento in cui la sua vita è cambiata radicalmente ed è cambiata per sempre.

Dalle anticipazioni emerge una Elena combattiva e ottimista, che crede fermamente nelle cure seguite da Giacomo e che si scaglia contro la medicina alternativa.

Elena Santarelli a Verissimo

La vita di Elena Santarelli, di suo marito Bernardo e del figlio Giacomo sono cambiate radicalmente il 30 Novembre 2017, giorno in cui i medici hanno diagnosticato un cancro al piccolo Giacomo. Non si tratta di leucemia, ma di un altro tipo di cancro legato al sangue contro cui Jack sta combattendo da allora.

Fin dal momento in cui la notizia ha cominciato a circolare, Elena ha iniziato a ricevere telefonate da parte di giornalisti che le chiedevano un’intervista in esclusiva. Temendo fortemente lo sciacallaggio della stampa su una storia così delicata e difficile, in qualità di mamma Elena ha deciso di raccontare la verità in prima persona, attraverso i social e senza alcun filtro.

Oggi, a distanza di mesi, non si pente affatto della sua scelta e ringrazia tutti coloro che le hanno dimostrato un enorme affetto a sostegno del suo bambino e della sua famiglia.

Il bene e il male che passano dai social

Nelle intenzioni di Elena Santarelli c’era anche quella di dare il massimo supporto possibile a tutte quelle mamme qualunque che, nell’anonimato di una vita normale, combattono quotidianamente la sua stessa battaglia. Questo le è riuscito in maniera grandiosa, tanto che molte madri l’hanno contattata per ringraziarla di aver condiviso l’esperienza e di essere riuscita a trasmettere un messaggio di forza e di ottimismo.

Il problema è nato quando Elena ha cominciato a ricevere messaggi in cui qualcuno le consigliava di curare Giacomo con la medicina alternativa. A quei messaggi Elena racconterà di aver risposto sempre duramente poiché l’unica vera cura per il tumore oggi sono la radio, la chemio e l’ottimismo.

Elena Santarelli e giacomo

La parte più complessa dell’intera situazione è stato il dover spiegare a Giacomo quello che stava avvenendo. Affidandosi alla guida di una psicologa, Elena ha spiegato di aver utilizzato parole molto chiare per spiegare a Giacomo la verità della sua condizione, permettendogli in questo modo di combattere il tumore ad armi pari.

Anche in famiglia la parola “tumore” non è un tabù, tanto che se ne parla in maniera aperta, tentando di non demonizzare e ingigantire la malattia trasformandola in un mostro spaventoso contro cui il bambino si senta impotente.

L’allegria della madre e in generale della famiglia, ha spiegato Elena, sono un ingrediente fondamentale del benessere dei piccoli ammalati, perché il momento in cui si lasceranno andare alla malinconia il tumore diventa più pericoloso.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.