Domenica Live: Gerry Scotti ricorda Fabrizio Frizzi

Gerry Scotti ricorda Fabrizio Frizzi

Gerry Scotti a Domenica Live è stato invitato a ripercorrere passo dopo passo la sua vita e la sua carriera. Dal tavolo della casa di campagna su cui è nato fino alla recente morte dell’amico, collega e rivale Fabrizio Frizzi, il popolare conduttore non ha evitato di toccare alcun momento della propria vita, nemmeno di quella privata.

Al momento di ricordare Fabrizio, è stato mandato in onda un video in cui un attore ha letto un messaggio che Gerry aveva scritto a Fabrizio Frizzi nei giorni appena successivi alla sua morte.

Gerry Scotti ricorda Fabrizio Frizzi

Nella vita si instaurano relazioni speciali anche con persone che teoricamente dovrebbero essere dei rivali dal punto di vista professionale. E’ questo il caso del legame professionale e umano che ha unito Gerry Scotti e Fabrizio Frizzi.

Scotti ha confidato al pubblico di Domenica Live di aver conservato tutti i messaggi di Fabrizio, anche quelli banali del loro essere stringati, come gli auguri per l’inizio di un nuovo programma a quelli per qualche festività comandata.

Con particolare affetto Gerry ha voluto ricordare proprio i messaggi che nel corso della loro carriera i due si erano scambiati soprattutto in occasione dell’inizio di nuove avventure televisive. I due si auguravano sempre di avere successo con le nuove trasmissioni, ma una volta Fabrizio scrisse a Scotti di “non essere troppo bravo” perché in diretta concorrenza con la sua nuova trasmissione c’era già da tempo sul palinsesto una trasmissione condotta da Frizzi.

La vicinanza nella malattia

Anche durante la malattia di Fabrizio Frizzi, il tono dei messaggi che i due presentatori si scambiavano non erano cambiati. L’affetto era sempre espresso con poche parole stringate ma sentite, con una vicinanza che non aveva bisogno di fronzoli.

Gerry Scotti ha spiegato che quello che gli fa piacere più di ogni altra cosa è la consapevolezza che la lettera che ha scritto per Fabrizio avrebbe potuto essere scritta da una qualunque altra persona che aveva avuto modo di incontrare il presentatore scomparso nel corso della propria vita, dal momento che Frizzi si approcciava a tutti con la stessa disponibilità e gentilezza. Tutti i ricordi condivisi dai colleghi e dalle persone che gli erano state vicine infatti hanno espresso unanimamente proprio l’apprezzamento per la semplicità del conduttore scomparso.

Gli aneddoti di Gerry Scotti

Oltre a parlare dell’amicizia con Fabrizio Frizzi, Gerry scotti ha parlato anche di avvenimenti particolari della sua vita, di aneddoti che non sono in molti a conoscere.

Uno tra i più divertenti è quello che vede il piccolo Gerry venire al mondo su un tavolo da cucina in una vecchia casa di campagna nel Pavese. All’epoca era normale che si partorisse in casa: quando l’ostetrica arrivò per prestare assistenza alla madre di Gerry decise di farla sdraiare sul tavolo della cucina piuttosto che portarla nella camera da letto situata in cima a una scala che la donna, già grassa e ulteriormente appesantita dalla gravidanza, non avrebbe mai potuto salire.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.