Senza categoria

Come zappare il giardino

Occuparsi del giardino giova non solo alla salute delle piante, ma anche al proprio benessere: vedere crescere sane e forti le proprie piante grazie al nostro intervento fa aumentare la nostra autostima. Zappare il giardino non deve essere fatto solo perché ne hai voglia ma anche perchè è la pianta che ne necessita. Le piante infatti, hanno dei precisi ritmi biologici, che bisogna rispettare quando si decide di coltivarle, altrimenti tutti gli sforzi saranno inutili e controproducenti.

Come zappare il giardino, gli attrezzi
Per occuparsi di giardinaggio occorrono i giusti attrezzi.
Generalmente gli attrezzi da giardino che occorrono non sono solo quelli per zappare il terreno ma anche attrezzi per ottimizzare il terreno e le sue prestazioni, o per aumentare la produttività e la salute di una pianta.
Gli attrezzi più importanti sono quelli che servono per vangare il terreno, piantare, innaffiare, concimare e potare le piante.
Per un giardino abbastanza piccolo, sono più comodi gli attrezzi manuali, sono più a buon mercato rispetto a quelli elettrici o comunque motorizzato.
Per un giardino con il prato e delle siepi occorrono il tosaerba e l’ arieggiatore, per assicurare al prato un buon drenaggio e liberarlo dalle erbacce.
Se si posseggono siepi occorre un tagliasiepi, manuale o alimentato elettricamente per permettere di limitare e regolare la crescita delle proprie siepi, secondo le proprie esigenze e preferenze.
Per la lavorazione del terreno, sono invece utili la vanga e la zappa che servono per preparare il terreno a ricevere la semina, mentre invece il rastrello serve per raccogliere le foglie e livellare il terreno.

Come zappare il giardino, la procedura
Per zappare il terreno nel modo migliore è necessario dare dei colpi decisi con l’attrezzo per riuscire a formare dei solchi nel terreno e per rivoltare la terra: serve per rimescolare la terra in superficie con la terra sotto che è più ricca di sostanze ed è più fresca dato che non ha subito ancora lavorazioni. Successivamente bisognerà bagnare tutto il terreno zappato. Infine basterà prendere il rastrello e piantare rispettando i tempi di semina e di coltura.

Come zappare il giardino, consigli utili
E’ opportuno vestirsi con abiti vecchi, con scarpe resistenti per evitare di farsi male e sporcarsi.
E’ inoltre opportuno indossare dei guanti resistenti per evitare la formazione di vesciche alle mani o eventuali tagli.
Per la scelta della collocazione dei semi o delle piantine è preferibile sfruttare le zone maggiormente soleggiate.
Possono essere utili bidoni per il compostaggio, che permettono di creare , a partire dagli scarti stessi del giardino e spesso della tavola, il concime per le piante.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.