Senza categoria

Come smaltire l’olio

L‘olio di origine vegetale è un condimento essenziale per la cucina, grazie al quale è possibile arricchire tante pietanze, dagli antipasti ai contorni. C’è l’olio di oliva, extra vergine di oliva, di girasole, di arachide……insomma la lista è lunghissima. Ci documentiamo per capire quale olio possa rispecchiare certe caratteristiche specifiche alle nostre esigenze. Purtroppo è altrettanto vero che sono pochissime le persone che si documentano per conseguire un adeguato smaltimento dell’olio usato. A onore di cronaca è giusto che sappiate che sono molto pericolosi per l’ambiente se non vengono smaltiti correttamente. A tal proposito di seguito vi illustreremo come smaltire l’olio in maniera corretta.

Perché smaltire l’olio?
L’olio che utilizziamo per friggere o per cucinare se disperso in maniera superficiale diventa un prodotto fortemente inquinante per la nostra terra e le nostre acque.
A contatto con il sottosuolo, l’olio forma una sorta di pellicola attorno alle particelle che compongono la terra, che le piante non possono distruggere, comportando per loro l’impossibilità di raggiungere nel modo adeguato le sostanze nutritive di cui hanno bisogno.
A contatto con le acque ne inibisce l’ossigenazione con conseguenze disastrose sia per la flora che per la fauna.
Ogni volta che gettiamo quindi l’olio di cottura nel lavandino o nello scarico del wc o altri scarichi di casa dobbiamo ricordarci che stiamo contribuendo in maniera tangibile alla distruzione del pianeta.

Come smaltire l’olio in maniera corretta?
L‘olio alimentare che non usiamo più in quanto esausto per cucinare, deve essere raccolto in un contenitore che poi porterete nei centri per la raccolta differenziata dei rifiuti. Sono presenti in ogni città italiana, tuttavia se nella vostra città non dovesse esserci, potete rivolgervi al centro più vicino. Dai centri raccolta l’olio verrà smistato per essere riciclato per futuri usi: da esso vengono estratti degli ingredienti utili per la realizzazione per esempio di saponi oppure per la realizzazione anche del biodiesel.
Smaltire l’olio in modo adeguato significa compiere un gesto responsabile che arreca benessere per l’ambiente in cui viviamo.
Per conoscere in dettaglio dove trovare i centri autorizzati alla raccolta dell‘olio esausto, potete consultare il Consorzio Conoe, Consorzio Obbligatorio Nazionale di raccolta e trattamento oli e grassi vegetali ed animali esausti.

Indicazioni utili: se riponete l’olio usato in una bottiglia, ricordatevi di apporre un’etichetta affinché i bambini non la confondano con altre bottiglie simili.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.