Senza categoria

Come ridurre il colesterolo

Ridurre il colesterolo significa allontanare il rischio di infarto o ictus. I livelli alti di colesterolo ci obbligano a ricorrere ai farmaci ma esistono rimedi alternativi? Certo, ecco come ridurre il colesterolo senza l’uso di farmaci.

Come ridurre il colesterolo, colesterolo buono e quello cattivo
Per descrivere il colesterolo vengono usati tre valori: HDL, LDL e colesterolo totale. Le persone con età tra i 35 e i 65 anni, il colesterolo totale non deve essere superiore ai 200 mg/dl e LDL ai 145 mg / dl. Il colesterolo “buono”, HDL, deve essere circa di 40 mg / dl.
Il LDL è il colesterolo “cattivo” che attacca le arterie, quindi se il suo valore è troppo alto bisogna intervenire rapidamente.

Come ridurre il colesterolo, l’attività fisica
L’attività fisica gioca un ruolo importante ai fini dei valori del colesterolo: alcuni studi hanno dimostrato che bruciando circa 1000 kcal in più alla settimana, è possibile ridurre i rischi di morte fino al 20%. Ecco, basta fare un paio d’ore di corsa, o bicicletta, alla settimana!

Come ridurre il colesterolo, l’alimentazione

  • Evitare gli acidi grassi saturi, che si trovano soprattutto negli alimenti di origine animale
  • Ridurre, o eliminare, il consumo di alcolici, che apportanto molti grassi nel nostro corpo.

Ecco una breve lista di cibi, con il valore di colesterolo presente in 100gr:
Pesce
Anguilla: 149 mg
Baccalá: 60 mg
Trota: 69 mg

Carne
Fegato di vacca: 343 mg
Salsiccia: 160 mg
Maiale: 70 mg
Petto di pollo: 60 mg

Latte e Latticini
Latte parzialmente scremato: 13 mg
Latte scremato: 5 mg
Camembert: 112 mg
Yogurt: 6 mg

Grassi e oli
Burro: 240 mg
Olio d’oliva: 1 mg

Uova
1 ouvo: 230 mg
Albume d’uovo: 0 mg

Cibi amici del colesterolo
Germogli di soia e derivati
Salmone, tonno e trota
Mele e uva
Melanzane
Frutti rossi
Agrumi
Semi di lino
Aglio e cipolle
Fagioli

E lo stress? Lo sapevate che lo stress influenza la relazione del colesterolo “buono” / “cattivo” nel nostro corpo? Infatti, aumenta la produzione di ormoni, come l’adrenalina, la noradrenalina e il cortisolo, promuovendo la lipolisi e inibendo l’elaborazione del LDL da parte del fegato.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.