Come praticare yoga

Per rilassarsi e riuscire a far fronte allo stress quotidiano molte persone si avvicinano allo yoga.Tutte le posture yoga, chiamate anche asana, seguono un programma specifico in modo per alleviare le tensioni fisiche ed emotive. Nell’articolo vi mostreremo come praticare yoga seguendo alcune indicazioni utili.

Come praticare yoga, il luogo
Per esercitarsi negli asana è importante la scelta del luogo che deve essere tranquillo senza nessuno che venga a disturbarci e senza i rumori esterni
Le posizioni possono essere eseguite anche all’aperto, all’aria aperta, nel folto di un bosco, lungo la riva di un torrente, oppure su una spiaggia solitaria, purché al sicuro da eventuali curiosi. Prima di esercitarsi all’interno è bene assicurarsi che nella stanza non ci sia aria viziata, è quindi vietato fumarvi.

Come praticare yoga, l’abbigliamento
Nella scelta dell’abbigliamento è importante che tutte le membra siano perfettamente libere dalla costrizione degli indumenti, così che gli esercizi si possano eseguire senza impedimento ma è altrettanto importante che il corpo non abbia freddo: vi impedirebbe di concentrarvi serenamente sulle tecniche, ma soprattutto limiterebbe la capacità dei muscoli di distendersi e allungarsi, cosa della massima importanza.
L’abbigliamento ottimale è una leggera tuta sportiva di cotone, che sia però piuttosto ampia, in modo da permettere la massima libertà dei movimenti senza indumenti intimi.
Prima della seduta assicurarsi di non avere nessun oggetto metallico, come orologi, catenine, bracciali, anelli: essi possono infatti ostacolare il libero flusso delle energie «sottili» nel corpo durante l’esecuzione degli asana.
Gli asana possono essere praticati su una stuoia, un tappeto o anche una coperta opportunamente ripiegata, preferibilmente di lana bianca e comunque non di fibra sintetica: alcune posizioni si eseguono faccia a terra, la stuoia dovrà essere sempre ben pulita, per ovvi motivi igienici.

Quando iniziare a esercitarsi negli asana?
E’ bene evitare di accostarsi per la prima volta agli asana nel pieno della calura estiva, quando l’afa, provocando fiacchezza, impedirebbe una proficua esecuzione delle tecniche. Nemmeno l’inverno è adatto.
Il periodo ideale per iniziare a esercitarsi negli asana è in primavera oppure nell’autunno non troppo inoltrato anzi, meglio se in un periodo di luna crescente, come vuole la tradizione.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.