Senza categoria

Come lenire il prurito da candida

La candida è una fastidiosa patologia che provoca bruciore, prurito e spiacevoli perdite bianche maleodoranti. Ecco alcuni suggerimenti validi per lenire il prurito e il bruciore da candida.

Come lenire il prurito da candida, la prevenzione alimentare
Per prevenire i sintomi della candida bisogna avere una corretta alimentazione: basta diminuire l’assunzione di zuccheri, carboidrati, alcolici, caffeina e tutti gli alimenti che contengono lieviti e muffe.
È consigliabile assumere quotidianamente dei fermenti lattici che ripristinino la flora batterica alterata.
Anche mangiare spesso aglio, zenzero e cinnamomo e bere succo di aloe vera può essere utile nella prevenzione della candida.

Come lenire il prurito da candida, cosa indossare
Devi indossare solo biancheria di cotone, niente slip sintetici o pantaloni troppo stretti, se vuoi evitare una sorta di “soffocamento intimo”.

Come lenire il prurito da candida, sintomo da prurito
Per lenire il prurito devi lavarti con acqua leggermente fredda e con il bicarbonato che ha il potere di ripristinare il ph della zona vaginale: basta mettere un cucchiaio per ogni litro d’acqua.
Contro il prurito sono molto indicati anche gli impacchi con yogurt bianco magro.

Come lenire il prurito da candida, il bruciore
Contro il bruciore invece è molto utile lavarsi con camomilla. Riempi un pentolino d’acqua (tipo quelli in cui si fa bollire il latte) e prepara la camomilla come di consueto. Quindi utilizzala per lavare la zona intima. La camomilla ha un potere lenitivo e calmante e attenuerà il bruciore. Ovviamente non devi zuccherarla!
Come lenire il prurito da candida, consigli utili

  • Non lavarti mai con detergenti intimi da supermercato perchè seccherano ulteriormente la zona vaginale con aumento di prurito e bruciori
  • Durante il periodo dell’infezione, cambia spesso la biancheria: deve essere sempre pulita e soprattutto di cotone
  • Non utilizzare salvaslip
  • Se si è in coppia è necessario che entrambi facciate la cura per evitare successivi contagi
  • Se i sintomi persistono è necessario consultare il tuo ginecologo di fiducia.
Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.