Senza categoria

Come fondere il rame

Se avete intenzione di fondere il rame, dovete sapere che non sarà affatto un’impresa semplice. Il rame fonde a temperature piuttosto elevate e per questa operazione è necessaria attrezzatura specialistica. Se intendete acquistare questa attrezzatura, non commettete l’errore di provare a fondere le monete da 1 e 2 centesimi di euro, sono solo ricoperte di rame, il costituiente principale è l’acciaio.

Le industrie, per fondere il rame, utilizzano un altoforno, un forno a riverbero oppure una fornace ad Arco elettrico, quando parliamo di processi industriali ci riferiamo a grandi quantità, per esempio, una fornace ad arco elettrico può produrre 330 tonnellate di rame fuso al giorno.

Per fondere il rame bisogna raggiungere una temperatura di circa 1085 °C. I forni per la fusione del rame devono poter superare quella temperatura ed ecco il primo acquisto che dovete fare! In commercio se ne trovano di diversi modelli, i prezzi oscillano dai 500 euro fino a superare i 3.000 euro. Tutto dipende dalla capacità e dalle caratteristiche del forno prescelto.

Come fondere il rame, l’occorrente

  • Forno a crogiolo
  • Pinze
  • Stampi di ghisa
  • Rame

Un forno a crogiolo capace di fondere rame, oro e altri metalli che hanno un punto di fusione fino a 1150 °C, costa circa 600 euro. Spesso la confezione d’acquisto comprende anche apposite pinze. Con una spesa di 600 euro è possibile acquistare un forno dal diametro di 58 x 130 mm. Un piccolo fornellino che consuma 850 W!

Per ottenere un cubo di rame con lato che misura 10 centimetri, serviranno circa 9 chilogrammi di materia prima (rame!). Gli stampi di ghisa sono necessari per colare il rame fuso.

Un forno a crogiolo con diametro da 58 x 130 mm, non è una soluzione comoda per fondere il rame ma di certo è tra le più economiche. Perché non è comodo? Esattamente per le dimensioni! Il rame da fondere di solito deriva per il 75 – 80 per cento da rottami e per il 20-25 per cento da lingotti. Le quantità da inserire nel forno da noi descritto sono decisamente esigue. Un suggerimento utile sfrutta la grande duttilità del rame, prima di inserire del rame nel forno, meglio comprimerlo e compattarlo il più possibile così da ottimizzare il processo di fusione.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.