Senza categoria

Come fermare il sangue dal naso

Può sembrare spaventoso ma la gran parte delle epistassi sono innocue. Certo che se il naso sanguina in seguito a un incidente o un trauma alla testa, bisogna rivolgersi immesiatamente al medico ma nella gran parte dei casi, non c’è nulla da temere, la causa principale di questo problema è la fragilità dei piccoli vasi sanguigni all’interno del naso. Ecco alcuni consigli su come fermare il sangue dal naso.

Come fermare il sangue dal naso, la prevenzione

  • usare tovaglioli soffici e morbidi quando si soffia il naso
  • non soffiare con forza il naso
  • se le membrane nasali sono secche, il farmacista vi potrà consigliare l’uso di un lubrificante speciale
  • se il naso sanguina spesso e in maniera abbondante, controllare se ci sono problemi di ipertensione o alterazioni della coagulazione del sangue, fare degli esami
  • se l’epistassi si ripete nel tempo, meglio prenotare una visita dall’otorinolaringoiatra

Come fermare il sangue dal naso, consigli da seguire

  • Sedersi e sporgersi leggermente in avanti
  • Stringere il naso con il pollice e l’indice appena sotto la parte ossea
  • Tenere la presa per non meno di 5-10 minuti senza fare movimenti bruschi
  • Se l’emorragia non smette, aiutatevi con un impacco di ghiaccio applicato sul naso
  • Se a sanguinare è il naso di un bambino… non spaventatelo!

Come fermare il sangue dal naso, cose da non fare

  • non farsi prendere dal panico
  • non inclinare la testa verso la schina
  • non soffiare il naso dopo il sanguinamento perché il problema potrebbe ripresentarsi
  • non andate a dormire subito dopo il sanguinamento

Come fermare il sangue dal naso, gli esami da fare

  • Come già detto, la prima cosa da fare se le epistassi sono abbondanti e frequenti, è prenotare una visita dall’otorinolaringoiatra
  • Con le analisi del sangue si possono controllare i fattori della coagulazione
  • L’otorinolaringoiatra potrà sottoporvi ad analisi dove, con delle sonde, ispezionerà le cavità nasali e i seni paranasali
  • In casi limite lo specialista potrebbe consigliare una TAC o una risonanza magnetica per verificare la situazione delle vie aeree superiori nella sua completezza
Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.