Come far maturare le mele cotogne

Come far maturare le mele cotogne

Si possono far maturare le mele cotogne?

Se la frutta che avete acquistato è troppo acerba, significa che avrebbe avuto bisogno di altro tempo per maturare.

Ogni frutto ha i suoi tempi, ma alcuni di essi possono comunque essere fatti maturare anche dopo raccolti. Tra questi c’è proprio la mela cotogna.

Approfondiamo quali sono le caratteristiche di questo tipo di frutti e scopriamo come si fa a farli maturare.

Come far maturare la frutta: classificazione

La frutta non è tutta uguale. Esistono milioni di frutti diversi, che possono però essere compresi in queste due macro-categorie: frutti climaterici e non climaterici.

fruttaI frutti climaterici sono quelli nei quali l’etilene, ormone vegetale delle piante, fa sciogliere la pectina scindendo l’amido in zuccheri semplici e dolci. Ciò provoca un cambiamento della colorazione della buccia. Sono frutti climaterici le banane, le mele, i kiwi, i fichi, le albicocche, i cocomeri, i meloni e le pesche.

I frutti non climaterici, invece, ai quali appartengono le fragole e i frutti similari, il contenuto zuccherino e l’acidità non è alternato durante la maturazione, ma ne è alterato solo il colore esterno.

Mentre i primi (frutti climaterici) continuano il processo di maturazione anche una volta colti dalla pianta, i secondi (non climaterici) arrestano il proprio processo di maturazione una volta staccati dall’albero.

Leggi anche: Come far maturare le fragole

Mele cotogne: caratteristiche

Le mele cotogne maturano da settembre in poi, quando il frutto (ancora sulla pianta) assume il suo caratteristico colore giallo (oppure verde chiaro).

Questo frutto contiene numerose proprietà nutrizionali:

  • è ricco di acqua
  • ha poche calorie (26 Kcal ogni 100 grammi)
  • contiene vitamine A, B1, B2 e C
  • ha pochi grassi e proteine
  • non mancano sali minerali, come calcio, magnesio, fosforo e potassio

Per le sue proprietà la mela cotogna ha anche proprietà terapeutiche:

  • toniche
  • astringenti
  • antinfiammatorie
  • protezione della mucosa intestinale
  • lassative
  • prevenzione della disidratazione della cute
  • contrasto all’invecchiamento cutaneo (e insorgenza di rughe)
  • rimedio a mal di gola e tosse

Mele cotogne: quando raccogliere

mela cotogna maturaLe mele cotogne possono essere raccolte quando raggiungono maturazione (o anche prima).

Il frutto è maturo quando la buccia assume il colore giallo.

Una volta raccolte le mele cotogne possono essere sistemate su plateau con piccioli verso l’alto, oppure in cassetta, a doppio strato, sempre con piccioli all’insù.

Devono essere scartati i frutti segnati da larve.

Mele cotogne: come farle maturare

Se raccolte prima che abbiano raggiunto la maturazione, le mele cotogne possono essere fatte maturare anche a casa.

mele cotogneSi tratta infatti di frutti climaterici che continuano la maturazione anche dopo essere stati raccolti.

Ecco come far maturare le mele cotogne.

Temperatura ambiente

Lasciando le mele a una temperatura ambiente di circa 20° accelereranno il proprio processo di maturazione.

Sacchetto di carta

Mettendo le mele all’interno di un sacchetto di carta, insieme a un’altra mela o a una pera, ne sarà accelerata la maturazione, in quanto la carta trattiene l’umidità.

Sacchetto di plastica

Ponendo le mele all’interno di un sacchetto di plastica, senza aggiunta di altri frutti, la stessa maturerà più rapidamente. In questo caso va però prestata particolare attenzione a non esagerare con il tempo di permanenza della frutta qui, potrebbe deteriorarsi sino a marcire.

Casco di banane

Le banane sono un frutto che aiuta gli altri a maturare. Mettendo le mele su un casco di banane queste forzeranno la maturazione del frutto.

Tovagliolo di lino o cotone

Mettendo le mele, ben distanziata, sopra un tovagliolo di lino o cotone disteso sul tavolo e coprendola con un secondo tovagliolo (sempre di lino o cotone), avendo cura di chiudere ogni lato, la maturazione avverrà più velocemente.

Cassetta di vimini

Le mele possono essere anche poste all’interno di cassette di vimini, intervallandola con delle mele o delle pere. Coperta poi con un panno in lino, cotone o con un cartone, la frutta va mantenuta in un luogo asciutto.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.