Senza categoria

Come cuocere il fimo

Per gli amanti dell’oggettistica fai da te, oggi vedremo come cuocere il fimo sia con il classico metodo del forno, sia con la cottura a bagnomaria.

Come molti sanno, il fimo andrebbe cotto in forno preriscaldato a 110 °C per un tempo di circa 30 minuti. L’inconveniente di questa tecnica è dettato dai vapori che sprigiona il fimo durante la cottura, così, un appassionato di fai da te è costretto ad acquistare un forno apposito per la cottura del fimo perché utilizzando quello di domestico, il forno non sarebbe più abbastanza sicuro per la cottura dei cibi. Chi non intende procedere con l’acquisto di un fornetto dedicato, oppure si trova alle prime armi e preferisce effettuare qualche prova sperimentale, può cuocere il fimo a bagnomaria.

Come cuocere il fimo a bagnomaria, l’occorrente

  1. un piatto in porcellana resistente al calore
  2. un pentolino dove inserire l’acqua da far bollire è preferibile che il pentolino sia dotato di coperchio
  3. fogli di carta da forno (vanno anche bene i fogli utilizzati per raccogliere il formaggio in stile “carta frigo”)
  4. creazioni in fimo da cuocere

Come cuocere il fimo, le istruzioni per la cottura fimo a bagnomaria

  1. Adagiate le vostre creazioni in fimo sul foglio di carta da forno
  2. Riempite il pentolino d’acqua e ponetelo su fuoco a fiamma media
  3. Utilizzate il piatto in ceramica come coperchio del pentolino e appoggiate sul piatto il foglio di carta da forno che porta le vostre creazioni da cuocere.
  4. Coprite il tutto con l’apposito coperchio.
  5. Fate cuocere a fuoco medio per i primi 6 minuti e poi a fuoco lento per circa 14 minuti. Queste tempistiche sono solo orientative e sono state stimate per oggetti di piccolo taglio e spessore. E’ meglio se controllate periodicamente quando le creazioni si saranno indurite al punto giusto.

Come cuocere il fimo, consigli utili

  • Per la cottura del fimo a bagnomaria, utilizzate un vecchio pentolino.
  • Il piatto impiegato per cuocere il fimo non potrà più essere utilizzato per l’alimentazione quotidiana, così come il coperchio.
  • Se non avete un coperchio da poter sacrificare, al suo posto adoperate un secondo piatto.
  • Per la cottura, assicuratevi di aver messo abbastanza acqua nel pentolino: l’acqua non dovrà mai scarseggiare.
Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile.