12 consigli d’oro sull’essere madre che non troverai nei libri

Hai letto tutti i libri possibili e immaginabili sull’essere madre ma, adesso che il tuo bimbo è arrivato, ti sei resa conto che c’è qualcosa che non va. È per questo che qui di seguito ti elenchiamo i migliori consigli di chi è già mamma, ma che i vari libri non ti svelano.

1. Non preoccuparti dei traguardi

“Quello che funziona per un bambino potrebbe non funzionare per un altro, per cui non ha nessun senso comparare i traguardi raggiunti con i figli delle tue amiche, come ad esempio i primi passi, lo svezzamento, l’uso del vasino… perché ognuno li raggiungerà a suo tempo e a modo suo”, dice Claire Westhead, radiologa di Rugby e mamma di Max, sei anni, e Maisie, due. “Piuttosto, godetevi l’unicità del vostro bambino e non fategli pressione per far sì che raggiunga i suoi traguardi più velocemente o più lentamente di come sta facendo.”

2. Se vuoi, culla il tuo bambino per farlo addormentare

“Non preoccuparti che il tuo bambino possa prendere l’abitudine di addormentarsi quando viene cullato, perché non cullerai tuo figlio per farlo addormentare anche quando sarà adolescente!” dice Emma Scobie, una logopedista di Sutton Coldfield e mamma di Mia, tre anni, e James, sei. “Quello che ha funzionato per noi è stato prendere delle decisioni che andassero bene per me, per la mia famiglia e per il bambino.” La blogger Erica Price la pensa allo stesso modo, e consiglia una passeggiata con la carrozzina per calmare il bambino e farlo addormentare. “Puoi anche camminare un po’ in salita per fare un po’ di esercizio fisico e poi ritornare velocemente indietro (in discesa) quando il bambino si è addormentato”, dice Erica. “Oppure puoi fare una passeggiata e un po’ di shopping, e mettere i sacchetti sotto al passeggino per un allenamento migliore!”

3. Risparmia trasformando la tua casa in un punto d’incontro

“Non vergognarti ad aprire la tua casa”, dice la blogger Becky Goddard-Hill. Incontrare gli altri genitori nelle caffetterie è costoso e può essere noioso per i bambini, e se anche gli altri genitori fanno lo stesso, risparmierete molti soldi. E non preoccuparti sullo stato della casa, siete tutti nella stessa barca e coglierete l’occasione per chiacchierare e rilassarvi.”

4. Riscalda la culla

“Dopo aver mangiato, il mio bambino tende ad addormentarsi sul mio petto”, dice la blogger Guilty Mother. “Ma dopo un po’ devo metterlo nella culla se non voglio essere bloccata per ore, salvo rendermi conto che i suoi occhi si aprono non appena lo lascio! Mia madre mi ha detto che dipende dal fatto che la culla è fredda e, non appena lasci il tuo bambino, si rende conto del distacco. La soluzione è mettere una bottiglia d’acqua calda nella culla, avvolta da un panno, prima di farlo mangiare. Assicurati che la culla non sia troppo calda e poi metti il tuo bambino nella culla. Per me ha funzionato e ho potuto premiarmi con una bella tazza di tè!

5. Prenditi cura della tua salute mentale

“Quando mi preparavo a diventare una neomamma, ho letto tutti i libri, i blog e i giornali sui bambini, ho fatto esercizio fisico regolarmente, mi sono cosparsa con qualsiasi crema antismagliature, ho mangiato sano e ho preso le vitamine. Ma tutta la mia preparazione era di tipo fisico, senza neanche considerare il mio benessere mentale”, dice Olivia Siegl, fondatrice di The Every Mum Movement, che ha come obiettivo quello di emancipare le mamme affinché si prendano cura della loro salute mentale. “Non mi hanno mai detto quanto fosse importante essere mentalmente forti e preparate per diventare mamme, eppure quando facciamo un bambino il nostro corpo e la nostra mentalità cambiano in maniera impressionante. Essendo stata “una delle cinque persone” che soffrono di depressione o psicosi post parto in seguito alla nascita delle mie due bambine, mi sarebbe piaciuto che qualcuno mi avesse detto di prendermi cura anche della mia salute mentale; mi avrebbero fatto una diagnosi più veloce e sarei potuta tornare a godermi la maternità prima. Incoraggio tutte le mamme e i loro compagni ad farlo e a prepararsi mentalmente alla maternità, leggendo qualcosa per riconoscerne i segnali e per capire che, nel caso in cui ne dovessero soffrire, col giusto supporto si può tornare a stare bene.”

6. Goditi le coccole nel lettone

“Dopo i sei mesi, i miei bambini dormivano regolarmente nel lettone con me”, dice Claire Westhead. “Anche se molte mamme sono contrarie, in realtà in questo modo dormivamo tutti meglio ed eravamo pronti ad affrontare una nuova giornata. Li coccolavo anche durante il riposino pomeridiano, perché è importante trascorrere con loro del tempo di qualità soprattutto quando sono così piccoli. Questo significa anche prendersi un’ora di riposo per sé, invece di correre avanti e indietro mentre loro dormono.”

7. Non esistono cose che ti vengono “naturalmente” solo perché sei diventata mamma

“Non ho mai fatto niente d’istinto solo perché ero una neomamma, e questo i libri non te lo dicono!” dice Emma Scobie. “Non abbiamo sempre fatto la cosa giusta la prima volta, e neppure la seconda o la terza: è stato un processo di apprendimento continuo. Quando diventi mamma, tutte le altre mamme ti sembrano delle professioniste, con i loro libri, ma in realtà una volta che le conosci ti rendi conto che è una battaglia continua. L’ideale è condividere i tuoi dubbi con loro e, anche se non sempre avranno la risposta giusta, saprai almeno di non essere sola.”

8. Usa i rumori bianchi per una nottata… senza rumori

“Ai bambini piacciono i rumori bianchi! D’altronde, hanno trascorso gli ultimi nove mesi nel tuo grembo, dove tutti i rumori vengono amplificati!” dice una blogger. “La vita fuori dal grembo è così scomodamente tranquilla così, dopo aver provato alcuni album di rumori bianchi, abbiamo scoperto che il rumore della foresta pluviale e della naturale era il più calmante per il nostro bambino, oltre a essere facilmente scaricabile su smartphone e tablet. La cosa migliore è che, trattandosi di dispositivi portatili, puoi portare la musica con te anche in viaggio – e non si sa mai che faccia rilassare anche te!”

9. Prepara tutto in anticipo

Prima di andare a letto, mi preparavo tutto ciò che mi sarebbe potuto servire durante la notte: pannolini, borse, salviette, creme, un pigiamino di ricambio…” dice Claire Buswell, consulente per l’assistenza clienti e mamma di Henry, sette anni, e Freddie, nove. “Avere tutto pronto mi ha salvato dal cercare le cose di notte mentre ero assonnata.”

10. Trasforma i capricci in un video

“Ogni volta che i miei bambini facevano i capricci ho sempre preso il cellulare, fatto loro un video e gliel’ho fatto vedere”, dice Claire Westhead. “Per me ha sempre funzionato e ha trasformato una situazione difficile in una cosa divertente!”

11. Sensibilità ai capezzoli? Vai a fare la spesa

“Allattare al senso, soprattutto i primi giorni, può essere un processo molto doloroso, soprattutto dato che l’appetito del tuo bambino cresce ogni giorno di più”, dice Guilty Mother. “Un’amica mi ha suggerito di mettere all’interno del reggiseno delle foglie di cavolo per alleviare il dolore e penso che valga assolutamente la pena fare un tentativo!”

12. E alla fine… butta tutti i libri per bambini!

“Agisci di pancia”, dice Alsion Feetham, un’insegnante di sostegno di Northampton e mamma di Ben, dieci anni. “Ho provato ad attenermi religiosamente ai libri, ma ha funzionato meglio quando abbiamo fatto di testa nostra. Non esiste una cosa giusta o sbagliata in assoluto quando si tratta di bambini o di mamme, per cui non preoccupatevi se i consigli dei libri non funzionano per voi. Se qualcosa che va bene per tante persone non va bene per voi, semplicemente non fatela: seguite i consigli che vanno bene, ma lasciate perdere quelli che non funzionano. Non consideratelo un fallimento e non credete di agire in modo sbagliato: l’importante è che tu e il tuo bambino siate felici.”

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.